Torna a salire l’incidenza settimanale dei casi di coronavirus in Italia. Lo rivela l’ultimo report diffuso dall’Istituto superiore di sanità che nei 7 giorni tra il 3 e il 9 giugno ha visto il dato crescere da 207 a 222 contagi ogni 100mila abitanti. Cala invece l’indice Rt che nel periodo compreso tra il 18 e il 31 maggio si è attestato allo 0,75 rispetto allo 0,82 della settimana precedente.

Continua comunque a scendere la pressione sui reparti Covid negli ospedali italiani. Al 9 giugno, il tasso di occupazione in terapia intensiva scende al 2% rispetto al 2,3% della settimana precedente, il 2 giugno. Quello invece negli altri reparti dedicati alla cura dei pazienti affetti da coronavirus cala di 0,5 punti percentuali, passando dal 7,1% al 6,6%.

In Italia sono soltanto due le regioni che, al momento, si trovano nella fascia di rischio moderato, mentre tutte le altre sono ancora considerate a rischio basso. Inoltre, 13 Regioni o Province Autonome riportano una singola allerta di resilienza. Due, invece, riportano molteplici allerte di resilienza.

La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in diminuzione (10% rispetto all’11% della scorsa settimana). Stabile la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (42% rispetto al 42%), mentre aumenta la percentuale di quelli diagnosticati attraverso attività di screening (49% rispetto al 46%).

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A Roma la piazza contro la guerra: “Fermare armi, non alimentarle”. Vauro: “Politica prende per il culo il Paese”. E Castellina critica le “liste”

next
Articolo Successivo

La ‘ramanzina’ del Papa ai preti siciliani per la ‘moda’ liturgica: “Basta merletti. E le omelie siano brevi, altrimenti la gente esce a fumare”

next