Un terremoto di magnitudo 4.2 è stato registrato alle 13.18 lungo la costa marchigiana, in provincia di Ascoli Piceno. L’epicentro è stato localizzato in mare, a una profondità di 22 chilometri, di fronte a Cupra Marittima.

Al momento non si segnala nessun danno a edifici o persone, ha detto il dipartimento della Protezione Civile al termine delle verifiche effettuate con le sale operative di Abruzzo e Marche e con le autorità locali.

In via precauzionale, il traffico ferroviario sulla linea Ancona-Pescara è stato sospeso nel tratto tra Pedaso e Porto San Giorgio. La chiusura è stata disposta da Trenitalia precisando che è in corso una verifica dei tecnici.

Altre scosse sismiche di assestamento sono state registrate dall’Ingv dopo quella delle 13:18. Una alla 13:22 di magnitudo 2.4 e una alle 13:39 di magnitudo 3.0. Il movimento sismico è stato avvertito in particolare lungo la costa.

In via precauzionale il traffico ferroviario è stato sospeso nel tratto tra Porto San Giorgio e Alba Adriatica, sulla linea Ancona-Pescara. I tecnici Rfi stanno verificando lo stato della linea e il lavoro durerà almeno fino alle 17,30. Tra Porto d’Ascoli e Offida e tra San Benedetto del Tronto e Porto d’Ascoli il traffico ferroviario procede con riduzione precauzionale di velocità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Treviglio, 8mila persone restano senza medico di base e l’Ats richiama i pensionati ultrasettantenni: “Situazione insostenibile”

next