Furti ed estorsioni aggravate dal metodo mafioso: sono le accuse di cui devono rispondere 12 persone, arrestate – nove in carcere, tre ai domiciliari – nell’area della Sicilia centro-orientale dalla guardia di finanza di Caltanissetta, su disposizione della direzione distrettuale antimafia. I 12 destinatari delle misure cautelari, tra cui figurano due fratelli, imprenditori dell’Ennese, avrebbero “continuato ad imporre le loro scelte per mantenere un controllo sulle loro aziende“, precedentemente sottoposte ad amministrazione giudiziaria. L’operazione delle fiamme gialle, che riguarda le province di Enna, Catania e Messina, impegna oltre 100 finanzieri, mezzi aerei e terrestri, e unità specializzate del corpo delle Fiamme gialle.

I due fratelli, si apprende, erano proprietari di alcune aziende – soprattutto agricole – sequestrate nel 2017 e confiscate in primo grado nel 2020. Nonostante questo, i due si sarebbero serviti di altri soggetti per cercare di interferire nelle attività dell’amministrazione, non esponendosi in prima persona a causa di alcuni procedimenti a loro carico: ingerenze che – secondo le accuse – sono state commesse tramite furti ed estorsioni, aggravate dal metodo mafioso. Nello specifico, i due imprenditori sono accusati di essersi avvalsi di una “rete di fiancheggiatori” che, attraverso minacce, avrebbero tentato di impedire che entrassero a far parte dell’azienda altre persone che “non fossero loro dipendenti fedelissimi”. Minacce, spiegano gli investigatori delle fiamme gialle, esercitate con “le classiche modalità proprie di chi esercita una capacità di intimidazione mafiosa“, tanto che le vittime non hanno sporto denuncia e avrebbero “taciuto con il datore di lavoro, l’amministratore giudiziario, le reali ragioni del repentino recesso dal rapporto di lavoro appena instaurato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giulio Regeni, l’appello dei genitori: “I nostri politici continuano a essere presi in giro. Chi ha informazioni le dia”

next
Articolo Successivo

Riforma ordinamento giudiziario, la vendetta tanto attesa della politica sui giudici. Conte dica no!

next