“L’invio delle armi non è efficace per costruire la pace, possiamo dirlo guardando i risultati ottenuto fino ad ora. Chiediamo che presto questa Aula possa esprimersi nuovamente con un voto“. Lo ha detto nell’Aula della Camera Davide Crippa di Movimento 5 stelle dopo l’informativa del presidente del Consiglio, Mario Draghi, sulla situazione in Ucraina. Crippa ha citato la risoluzione di marzo con cui il Parlamento ha dato il via libera all’invio di armi a Kiev: “Era necessario per evitare che si trasformasse in una guerra lampo. Tuttavia in quella risoluzione il governo si impegnava a mettere in campo una de-escalation militare. Su questo fronte – ha concluso – si è fatto troppo poco”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforme bloccate e Pnrr a rischio, Draghi convoca i ministri d’urgenza: “Ddl Concorrenza va approvato entro maggio, pronti alla fiducia”

next
Articolo Successivo

Elezioni Palermo, il ritorno di Cuffaro: in mille per la sua lista. L’aspirante sindaco Lagalla: “Ha commesso errori, ma no alla damnatio”

next