Serata da dimenticare per Miles Bridges degli Charlotte Hornets. Il giocatore ha rimediato, in pochi istanti, due falli tecnici dagli arbitri – per un fischio relativo a un’interferenza a canestro – che gli sono costati l’immediata espulsione. Mentre Bridges si dirige verso gli spogliatoi, un tifoso gli urla qualcosa. Lui perde la testa e scaglia il proprio paradenti in direzione degli spalti, colpendo una ragazza su una spalla. “Quello che ho fatto è inaccettabile e me ne assumo completamente la responsabilità”, ha detto Bridges poco dopo la partita. “Spero di poter essere messo in contatto con la ragazza per chiedere scusa di cuore e fare qualcosa di carino per farmi perdonare. La squadra prenderà provvedimenti contro il giocatore mentre la Nba ha avviato un procedimento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marc Overmars, lo scandalo delle molestie sessuali dura 42 giorni: dopo lo cacciata dall’Ajax è stato assunto dall’Anversa

next
Articolo Successivo

Flavio Roda ‘sfida’ la legge dello Stato: vuole candidarsi per il quarto mandato alla guida della Federsci

next