Nella seconda metà degli anni 2000 Nintendo con la Wii, insieme a Wii Sports ed il suo seguito Wii Sports Resort, ha portato in auge un nuovo modo di giocare con i videogiochi in salotto: non più controller in mano seduti sul divano o in poltrona, ma in movimento, comandando le azioni in gioco tramite movimenti delle braccia, sfruttando la sensoristica a bordo della coppia Wiimote+Nunchuck, offrendo un format perfetto per sfide in famiglia o tra amici.

A fine aprile arriverà sul mercato Nintendo Switch Sports, un seguito dei due titoli sportivi di epoca Wii, sviluppato per la console 2 in 1 del colosso giapponese, che offrirà al lancio ai player 6 discipline sportive: pallavolo, calcio, badminton, bowling, tennis e chanbara, a cui in autunno, tramite un aggiornamento gratuito si aggiungerà il golf. La scorsa settimana abbiamo avuto la possibilità di avere un primo assaggio del gioco, e le premesse sono sicuramente interessanti.

Tra le discipline debuttanti, la pallavolo permette di sfidarsi in 2vs2 fino a 4 giocatori (i giocatori mancanti saranno sostituiti da bot) richiedendo il giusto tempismo nelle varie fasi dell’azione, oltre ad una buona capacità di sincronizzarsi con il partner (se umano) per la schiacciata perfetta o per difendersi dagli avversari con il muro o la ricezione. Il calcio invece permette di giocare in partite da 1vs1 a 4vs4 (per un massimo di 8 giocatori) sfruttando due joycon – uno per “calciare” la palla, il secondo per muovere il personaggio – o di sfidarsi ai rigori: in questo caso è possibile utilizzare l’apposita fascia (fornita con la versione su cartuccia del gioco) per legare uno dei controller alla propria gamba e calciare la palla in rete simulando il movimento di un vero e proprio calcio; sembra nelle intenzioni di Nintendo rilasciare tramite un aggiornamento futuro la possibilità di usare la fascia anche nelle normali partite. Per il badminton invece la sfida è limitata a massimo 2 giocatori, e si ci troverà a dover muovere il joycon come la racchetta per respingere il volano verso l’area avversaria.

Passando agli sport che ritornano dai precedenti capitolo, se da una parte il tennis a primo acchito non sembra aver ricevuto notevoli novità rispetto al passato – potrebbero anche esserci sfuggite data la durata limitata dell’anteprima – il chanbara riceve una novità molto interessante: non più la semplice “spada” a due mani, ma ora potremmo sfidare l’avversario usando una spada energetica o optando per l’uso di due spade, rendendo dunque possibili nuove meccaniche interessanti. La novità più interessante che abbiamo avuto modo di vedere riguardante il bowling è sicuramente la possibilità di effettuare i lanci in contemporanea -a patto di avere abbastanza controller disponibili- non dovendo più aspettare ognuno il proprio turno e velocizzando molto la durata delle partita.

Rispetto ai due titoli dell’era Wii, il nuovo Nintendo Switch Sports offrirà inoltre la possibilità di sfidare online amici e parenti, in stanze private, così come di affrontare perfetti sconosciuti e dar sfoggio delle proprie abilità, modalità questa che sicuramente ci incuriosisce, non avendola potuta provare durante la preview.

Nintendo Switch Sports sarà disponibile a partire dal 29 aprile per Nintendo Switch, alla luce della nostra piccola anteprima, ed in attesa di provarlo in modo più approfondito, la domanda che ci sorge spontanea è: perchè abbiamo dovuto aspettare così tanto per vedere un gioco simile su Switch?

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Duelhawk Ultra: una sedia da gaming comoda anche dopo ore d’utilizzo. Un plus il supporto lombare regolabile

next
Articolo Successivo

Smart City: i risultati della ricerca sulla percezione degli italiani sulla “città intelligente”

next