Maja aveva 13 anni il 5 aprile del 1992, era andata alla manifestazione per la pace in centro a Sarajevo, per dimostrare contro la guerra, per una Bosnia Erzegovina indipendente ma dove si poteva vivere insieme serbi, croati, musulmani. La manifestazione per la pace sotto al Parlamento segna l’inizio dei tre anni di assedio della capitale bosniaca che dal 20 aprile è sotto pesanti bombardamenti. Maja racconta lo spirito di Sarajevo che ha permesso a lei e alla sua famiglia di sopravvivere e anche di ricordarlo come un periodo positivo di crescita e in cui i sarajevesi davano il meglio di sé. Ma guardando all’Ucraina Maja prova rabbia: “Vedendo quelle madri e quei bambini che se ne vanno con i pullman io so quello che provano, ne riconosco tutte le sfumature, il senso di abbandono e la solitudine”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra in Ucraina, i blindati russi colpiti da un carro armato nascosto tra i campi: il video girato dal drone

next
Articolo Successivo

Covid, Oms: “Omicron 2 responsabile del 90% delle infezioni Covid nel mondo”

next