La guerra in Ucraina ha posto la sinistra di fronte al dilemma su cosa significhi “pace”. Tutti accomunati da una unanime condanna dell’invasione di Putin, ci si divide fra chi ritiene indispensabile sostenere la resistenza ucraina con tutti i mezzi possibili, armi incluse, e chi invece ritiene che l’invio di armi non serva che a prolungare la guerra facendo in definitiva più morti. MicroMega vuole ha così organizzato il dibattito tra Luciana Castellina, Paolo Flores d’Arcais e Tomaso Montanari. Modera Cinzia Sciuto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francia, primo e unico maxi-comizio di Macron con 35mila sostenitori: “A poche ore da qui c’è chi bombarda la democrazia”. E zittisce i fischi

next
Articolo Successivo

Guerra Russia-Ucraina, “ostaggio dei russi la ragazza fotografata mentre fuggiva dall’ospedale di Mariupol bombardato”

next