È cominciata alle 8 del mattino e proseguirà fino alle 22 di domani, la consultazione online degli iscritti al Movimento 5 stelle, chiamati a esprimersi sulla leadership di Giuseppe Conte. Gli iscritti dovranno confermare o meno la presidenza dell’ex premier dopo la decisione del tribunale civile di Napoli di contestare la validità delle prime votazioni in rete.

I quesiti ai quali dovranno rispondere sono due. Il primo, appunto, riguardante Conte: “Sei favorevole alla elezione del prof. Giuseppe Conte, indicato dal Garante, quale Presidente del Movimento 5 Stelle, anche in ripetizione della deliberazione adottata in date 5/6 agosto 2021, al fine della conferma/convalida della delibera stessa nonché dell’attività svolta?”. E il secondo riguardante invece l’elezione di un componente del Comitato di Garanzia.

In un videomessaggio pubblicato ieri sui propri profili e Giuseppe Conte ha chiarito che in presenza di un voto “risicato” farebbe un passo indietro rinunciando alla leadership. Ma se gli fosse confermata la fiducia, ha annunciato di voler gestire il Movimento con una linea non moderata e senza più accettare divisioni. Chiamando al voto gli iscritti M5s, nel video Conte ha legato la richiesta di una fiducia piena a un no fermo all’ipotesi di un nuovo aumento delle spese militari a carico del bilancio dello Stato “soprattutto in un momento del genere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s al voto, Conte rilancia la sua leadership e insiste sulle spese militari: “No all’aumento. Serve investimento shock sulle rinnovabili”

next
Articolo Successivo

Spesa militare al 2%, Delrio: “Ascoltare il Papa, è sbagliato aumentarla. Servono gli Stati Uniti d’Europa e una politica di difesa comune”

next