“A Letta dico che tutto è possibile, a condizione che non ci sia il Movimento 5 stelle. Ma sappiamo che non sarà possibile”. Così Carlo Calenda, in conferenza stampa, risponde a Enrico Letta, che ospite al congresso di Azione aveva detto: “Vinceremo insieme alle elezioni del 2023”. Calenda ha disegnato la mappa delle sue alleanze, chiudendo a M5s e Fratelli d’Italia, ma aprendo al dialogo alla Lega: “Se è quella di governo che accetta il destino comune europeo e diventa un partito popolare italiano insieme a Fi ci si deve dialogare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Da Calenda c’è già profumo di larghe intese per il 2023. Letta, Giorgetti, Tajani: tutti vogliono “collaborare”. E lui esclude M5s e Fdi: “Con loro niente confronto”

next