Sono circa 3mila i comuni che alle 19 hanno spento le luci e lasciato per 30 minuti piazze, ponti, monumenti al buio. Da Napoli a Torino, passando per Roma e Reggio Emilia, una protesta simbolica per richiamare l’attenzione del governo sul peso del caro bollette che incide sui servizi ai cittadini e sui bilanci degli enti locali. Lanciata inizialmente dal sindaco di Cento, comune del Ferrarese, l’iniziativa è stata poi adottata e promossa dall’Anci emilianoromagnolo e dall’Anci nazionale. “È chiaro che il tema del caro bollette colpisce in primo luogo le famiglie e le imprese ma anche le amministrazioni sono in difficoltà – ha detto il sindaco Manfredi che stasera ha spento simbolicamente le luci che illuminano il Maschio Angioino, monumento rappresentativo della città- e come Anci facciamo affidamento su intervento del Governo che ci possa aiutare e ristorare almeno in parte gli oneri maggiori che altrimenti ricadrebbero sui cittadini”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green pass, il governo va sotto due volte al Senato: passa la modifica per viaggiare dalle Isole senza certificato

next
Articolo Successivo

Carfagna risponde a Sala: “Il Pnrr al Sud-Sud-Sud è un’opportunità anche per il Nord”

next