Partita di calcio dilettantistico sospesa e polizia in campo su richiesta dell’arbitro. Succede a Capri durante la gara del campionato di Promozione tra l’Uc Givova Capri Anacapri e il San Vito Positano: lo stop con triplice fischio al 30′ del secondo tempo quando il risultato era di 1-0 per gli ospiti. La decisione dopo un’espulsione che ha portato ad alcuni momenti di concitazione che hanno spinto l’arbitro, a tutela della propria incolumità, a sospendere la gara e chiedere l’intervento degli agenti prontamente accorsi sul terreno di gioco. Una decisione contestata dall’Unione Nazionale Consumatori che, attraverso la delegazione isolana, chiede la ripetizione della gara sospesa ravvisando “un palese ed evidente errore dell’arbitro”. La polizia ha scortato il direttore di gara negli spogliatoi e successivamente lo ha accompagnato al porto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Balotelli che torna in Nazionale è l’emblema dello sfacelo azzurro: il calcio italiano non è più in grado di produrre attaccanti di livello

next