“Se prendessimo tutti Omicron andremmo verso l’immunità di gregge? Sì, come è accaduto in Sudafrica, Inghilterra, Scozia, paesi del Nord Europa che hanno avuto un’elevatissima circolazione di questa variante e, ad esempio l’Inghilterra, oggi può vantare il 98% di protezione da vaccino o da malattia naturale”. Così il professor Matteo Bassetti, ospite di ‘Accordi&Disaccordi’, il talk politico in onda il venerdì alle 22.45 su Nove, ha risposto ad Andrea Scanzi che gli domandava di prendere posizione rispetto a due opposti fronti scientifici a proposito di Omicron: “Ci sono quelli come lei, che dicono: tutto sommato potrebbe anche essere “un bene” che ci sia Omicron, perché lo prendiamo tutti, tri-vaccinati, non ci fa particolarmente male, andiamo verso l’immunità di gregge quindi in qualche modo velocizza quella cosiddetta “endemizzazione” del virus. E poi ci sono quelli, invece, come per esempio il professor Galli, che dicono: ‘Magari fosse così, perché non è detto che lo sia’. Allora io le domando: lei è sempre convinto che se prendessimo tutti, speriamo di no, ma se prendessimo tutti Omicron andremmo verso quella immunità di gregge, quella normalizzazione per cui alla fine chi becca, becca il raffreddore?”. “Omicron, indubbiamente, è una variante quantomeno non peggiorativa rispetto a quelle che avevamo visto fino ad oggi – ha risposto l’esperto – Cioè è più contagiosa, ma sicuramente dà un quadro più blando, la carica virale è più bassa, non colpisce tipicamente il polmone come faceva il virus originale e probabilmente dura di meno complessivamente”. “Ma com’è la situazione? E’ meglio che circoli molto, come sostengono in Gran Bretagna, o è meglio star coperti?”, ha chiesto Luca Sommi. “Io credo che sia meglio che circoli molto, in questo momento, perché non c’è possibilità di fermarlo. Noi abbiamo messo le mascherine obbligatorie, ma che cosa è successo? I contagi sono cresciuti in maniera esponenziale. E oggi è probabile che se tutti gli italiani si facessero un tampone, la percentuale dei positivi asintomatici sarebbe enorme”, ha concluso il direttore del Reparto Malattie infettive del San Martino di Genova.

‘Accordi&Disaccordi’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile in live streaming e successivamente on demand sul nuovo servizio streaming discovery+ nonché su sito, app e smart tv di TvLoft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Travaglio ad Accordi&Disaccordi (Nove): “Draghi non deve andare al Colle perché sarebbe un presidente padrone”

next
Articolo Successivo

Bersani ad Accordi&Disaccordi (Nove): “Berlusconi al Colle? Siamo fuori come i balconi. Il presidente deve avere autorità morale”

next