Quelle sul sangue donato dai vaccinati ma inutilizzabile sono “bufale pericolosissime e completamente infondate”. Anche la Croce Rossa Italiana interviene per condannare le fake news che da settimane – ma si sono intensificate negli ultimi giorni – circolano nelle chat dei No Vax più oltranzisti o vengono postate sui social network. Dopo la denuncia dell’Avis, il cui logo è stato utilizzato più volte nelle ‘card’ deliranti, è la Cri a intervenire: “Esprimiamo viva preoccupazione per le numerose fake news che circolano in Rete, in special modo nei gruppi o siti no vax” relative al fatto che il sangue dei vaccinati non possa essere donato in quanto metterebbe a rischio il ricevente, oppure che verrebbero buttate sacche di sangue di vaccinati in quanto non utilizzabili, o ancora che il Covid possa essere trasmesso per via trasfusionale.

Le fake news diffuse dai non vaccinate sono prive di “qualsiasi fondamento scientifico – dice Paolo Monorchio, referente nazionale Cri per la donazione sangue e coordinatore Civis – spesso diffuse sui social come falsi documenti ufficiali”. Come raccontato mercoledì da Ilfattoquotidiano.it, sono diverse le bufale circolanti. In una ‘catena di Sant’Antonio’ su Whatsapp e in gruppi chiusi di No vax, una delle più diffuse, è quella che sostiene che “presto quasi tutti i vaccinati avranno bisogno di sangue di persone non vaccinate” perché “il sangue dei vaccinati avrà problemi di trombi e alterazioni sia dei globuli rossi, e bianchi, dei granulociti e alterazioni della viscosità. Ci sono già tutti i dati da analisi mediche”.

Uno scenario totalmente inventato che viene corroborato da un invito: “Se tutte le persone non vaccinate appartenenti all’Avis smetteranno subito di donare il sangue vedrete che prima o poi il governo e il sistema sanitario crolleranno e saranno costretti ad ammettere la verità e a fermare questa dittatura nazista in atto”. Nulla di lontanamente plausibile. “Segnaliamo, invece, che in questo momento a causa della pandemia la donazione ha subito un severo arresto e le necessità di sangue sono, invece, aumentate. Invitiamo pertanto – aggiunge Monorchio – tutti i cittadini a donare il sangue per il benessere della collettività, già provata da due anni di pandemia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, 188.797 nuovi casi e 385 morti. Tornano a crescere i ricoverati con sintomi (+159). In terapia intensiva 155 ingressi

next
Articolo Successivo

Francia, record di casi: lunedì 525mila dopo il riconteggio. Arriva il super green pass, ma dal 2 febbraio parte la revoca delle restrizioni

next