Una potente esplosione si è verificata nell’oleodotto KirkukCeyhan, nella provincia di Kahramanmaras, a sud-est della Turchia. La deflagrazione ha provocato un incendio e il flusso del petrolio è stato così interrotto. Il fatto ha contribuito all’aumento dei prezzi internazionali del greggio. La ragione dell’esplosione, che si è verificata vicino al 511 chilometro dell’oleodotto, è ancora sconosciuta. I vigili del fuoco hanno lavorato per domare le fiamme e l’incendio è ora sotto controllo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, il premier britannico Johnson annuncia la revoca delle restrizioni: “Stop a green pass e all’obbligo di mascherine”

next