La notizia è di quelle che fanno rumore, perché dopo 80 anni (dal 1931) di dominio assoluto di tutte le classifiche domestiche General Motors è stata sorpassata da Toyota nelle immatricolazioni su territorio americano.

Nell’anno appena terminato, infatti, l’azienda giapponese ha venduto 2,3 milioni di veicoli, ovvero il 10,4% in più rispetto al 2020. Di contro, GM si è fermata a quota 2,2 milioni, in calo di quasi il 13% rispetto alla stagione precedente. Solo poco più di 100 mila auto di differenza, ma è una differenza che vale un record.

I motivi del sorpasso, secondo agli analisti, stanno nella diversa gestione della carenza di semiconduttori. Mentre Gm ha rallentato la produzione lasciando di fatto sguarniti i concessionari, Toyota ha attinto alle sue scorte cercando di ridurre il meno possibile l’attività produttiva. Trovandosi così avvantaggiata non appena il mercato, e nella fattispecie la domanda, hanno dato segni di ripresa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mercedes Vision EQXX concept, l’elettrica da mille km di autonomia – FOTO

next
Articolo Successivo

Renault Austral, debutto nel 2022 – FOTO

next