Sofia Goggia centra il quarto successo stagionale in Coppa del Mondo, il 15° in carriera, trionfando nella discesa libera della Val d’Isere e balzando in testa alla classifica generale di Coppa. La 29enne bergamasca si impone con il tempo di 1’41″71 davanti alla statunitense Breezy Johnson (1’41″98) e alle austriache Mirjam Puchner (1’42″62) e Ramona Siebenhofer (1’43″04). Per Goggia è il settimo successo consecutivo in discesa, ad un anno esatto dalla prima affermazione ottenuta proprio sulla pista francese, si è nuovamente ripetuta con grande classe. L’atleta delle Fiamme Gialle ha sbaragliato la concorrenza delle avversarie, dominando la competizione e consolidando sempre più la sua posizione alla testa della classifica di specialità.

Approfittando dell’assenza di Mikaela Shiffrin, Sofia Goggia, grazie alla quarta vittoria stagionale (compreso il SuperG di Lake Louise) è balzata in testa alla classifica generale con 535 punti, davanti proprio all’americana, ferma a 525. Terza posizione appannaggio di Petra Vhlova, anch’essa assente, a quota 340. Classifica di specialità che vede sempre Goggia al comando a 300 punti, seguita da Breezy Johnson a 240 e Mirjam Puchner con 152 punti. “Val d’Isere è un posto magico, qui ho fatto tanti podi e ho ottenuto la prima vittoria in discesa l’anno scorso che mi ha permesso di vincere un vitellino. Non penso alla striscia positiva che ho in questa specialità ma ad andare il più veloce possibile, e qui la concorrenza è tanta, come ha dimostrato anche la seconda prova”. Lo dice proprio la fuoriclasse bergamasca. “Nella prima prova mi sono sentita molto sciolta, oggi invece meno bene perché la pista ballava di più e la neve era più compatta e non sono riuscita ad avere lo stesso feeling di ieri, sono comunque soddisfatta, penso di avere fatto due belle prove e di avere tutti gli strumenti per analizzare al meglio la pista”, conclude.

L’undicesimo successo in discesa le consente di salire sul podio delle azzurre più vincenti di sempre, agganciando al terzo posto il mito Isolde Kostner, dietro solamente a Deborah Compagnoni e Federica Brignone, rispettivamente a 16 e 17 vittorie.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ti ricordi… Srecko Katanec, il silenzio al potere: poche parole e molti fatti nella Sampdoria più bella di sempre

next
Articolo Successivo

Virtus-Fortitudo, il derby che sa raccontare Bologna. Dai playground alle osterie, fenomenologia di Basket City dalle voci dei tifosi

next