Chi può essere definito patriota tra gli uomini politici del passato? Di sicuro Sandro Pertini per la metà degli intervistati di un sondaggio Ipsos mostrato durante la puntata di DiMartedì. Il nome del presidente partigiano, capo di Stato dal 1978 al 1985, è di gran lunga il più citato tra le risposte (49%) e stacca in modo significativo tutte le altre opzioni. A seguire ci sono il segretario del Pci dal 1972 al 1984 Enrico Berlinguer e il presidente del Consiglio dei governi del Dopoguerra, il democristiano Alcide De Gasperi, entrambi appaiati al 24%. Poi un altro presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, al Quirinale dal 1999 al 2006 che raccoglie il 15 per cento delle preferenze. In questa lista è ultimo Giorgio Almirante, già repubblichino a Salò e poi, con l’arrivo della Repubblica democratica, leader del Msi (fu segretario dal 1969 al 1987), scelto dal 12 per cento degli intervistati dall’istituto diretto da Nando Pagnoncelli. L’8 per cento non ha saputo o voluto dare una risposta.

Il sondaggio nasce dopo l’intervento di qualche giorno fa della presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni che aveva espresso l’idea di volere un “patriota” al Quirinale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Berlusconi al Colle? Quello della Meloni è un concetto davvero strano di patriottismo

next
Articolo Successivo

Berlusconi salta anche la presentazione del libro di Rotondi ma manda un audio-messaggio: “Con Draghi bipolarismo più maturo”

next