Non è un obbligo ma una raccomandazione perché il Covid colpisce anche i bambini in maniera crescente. È vero che più si è giovani e meno si rischia in termini di complicanze gravi ma esiste anche il long Covid che è ben descritto per la popolazione pediatrica. La vaccinazione è per difendere i bambini e il valore aggiunto è che riduce anche la circolazione del virus.” Lo ha dichiarato il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, a margine della VIII edizione del Premio OMaR per la comunicazione sulle malattie rare. “Vaccinerei senza dubbio mio figlio se avesse 5 anni. Negli Usa è stato somministrato a circa cinque milioni di bambini. L’ente regolatore che ha dato l’ok su basi scientifiche ne ha valutato l’efficacia, la sicurezza e la qualità e dobbiamo imparare a fidarci di chi vigila. L’Italia non sta pensando all’obbligo vaccinale, abbiamo percentuali di vaccinazione molto alte. L’entrata in vigore del nuovo green pass ha poi determinato un incremento delle prime e delle terze dosi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green pass a scuola, la Consulta boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti contrari all’obbligo

next
Articolo Successivo

Landini critico col governo dopo l’incontro con Draghi: “Insoddisfatti, sul fisco non abbiamo avuto le risposte che ci aspettavamo”

next