La Procura svizzera ha depositato l’atto d’accusa per truffa a carico dell’ex presidente della Fifa, Joseph Blatter, e l’ex presidente dell’Uefa, Michel Platini. I due, alla guida delle due organizzazioni rispettivamente dal 1998 al 2015 e dal 2007 al 2015, sono così imputati per il pagamento da parte della Fifa da 2,15 milioni di dollari nei confronti dell’ex campione francese che i pm della Confederazione ritengono essere illegale.

Un episodio che, una volta emerso, ha costretto lo stesso Blatter alle dimissioni dopo 17 anni alla guida del calcio mondiale e previsto la sua sospensione per otto anni, poi ridotti a sei e otto mesi, per violazioni etiche con l’accusa di aver autorizzato quello che i pubblici ministeri definiscono un “pagamento sleale” in favore di Platini. L’85enne ex capo della Federazione si è sempre difeso sostenendo che il pagamento all’ex numero 10 della Juventus, 66 anni, fosse corretto e che non ci fosse alcuna violazione.

Adesso i due dovranno affrontare tra pochi mesi un processo presso il tribunale penale federale di Bellinzona, visto che secondo i pm “questo pagamento ha danneggiato i beni della Fifa e arricchito illegalmente Platini”, si legge nella nota dei pubblici ministeri federali svizzeri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mps, il direttore generale del Tesoro Rivera conferma l’intenzione di vendere la banca. Chiesta la proroga dei termini a Bruxelles

next