Dopo due anni di silenzio causa pandemia il Palermo Pride torna per le strade del capoluogo siciliano in una data particolare, all’indomani della bocciatura del Ddl Zan contro l’omotransfobia da parte del Parlamento. Un ritorno che ha portato in piazza per la partenza dal Foro Italico oltre duemila persone. E ha il sapore politico lo slogan di quest’anno: “Fascisti tremate, le streghe sono tornate” campeggia sullo striscione che apre il corteo. Striscione che non vede dietro a sorreggerlo per la prima volta il sindaco Leoluca Orlando, che ha comunque partecipato alla manifestazione insieme a buona parte della giunta, ma a cui è stato chiesto di fare un passo indietro per evitare qualsiasi presenza politica alla testa del corteo. “Chi ha bloccato la legge Zan approfittando del voto segreto è senza dignità – dice il sindaco di Palermo –. La bocciatura al Senato è un atto eversivo che viola i principi della Costituzione”. Grande attesa anche per il collegamento da remoto dell’ex sindaco di Riace Mimmo Lucano, a cui il Pride ha voluto lanciare tutta la sua solidarietà dopo le ultime vicende giudiziarie.

Video di Gabriele Ruggieri

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono il papà orgoglioso di un ragazzo gay. Ho sofferto molto nel leggere le falsità sul ddl Zan

next
Articolo Successivo

Ddl Zan, ancora manifestazioni contro la bocciatura al Senato: persone in piazza in 44 città

next