“L’Ema ha iniziato a valutare una domanda per estendere l’uso del vaccino Pfizer-BioNTech Covid-19 Comirnaty ai bambini di età compresa tra i cinque e gli 11 anni. L’applicazione si basa su una dose che è tre volte inferiore alla dose approvata per gli adulti. Il dosaggio proposto è quello di mantenere due dosi somministrate ad almeno tre settimane di distanza”. Così Marco Cavaleri, responsabile della strategia vaccini dell’Agenzia europea per i medicinali. “In effetti, stiamo vedendo alcuni risultati promettenti da studi che confermano che questo approccio attiverebbe con determinate combinazioni di vaccini, una risposta immunitaria più forte rispetto a quando lo stesso vaccino viene utilizzato per una sola iniezione aggiuntiva. Nel complesso sembra che questa strategia sia qualcosa di cui tutti i tipi di vaccini potrebbero beneficiare, e in effetti combinazioni diverse sarebbero comunque estremamente preziose”, ha spiegato Cavaleri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Editing genetico, al Bambino Gesù il primo intervento di autotrapianto del midollo in Italia che ha curato due fratelli

next