È stata annunciata da mesi sulla pagina ufficiale dei Gilet Arancioni, a suon di video e di proclami di arresto nei confronti del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e degli ‘abusivi’ al governo, e oggi è arrivato il fatidico giorno: è iniziata a Roma l’operazione Tuono dell’ex generale Antonio Pappalardo (che attualmente preferisce essere appellato ‘Maestro’ in virtù delle sue attività di compositore musicale).

Nei filmati, infarciti di propaganda no vax e di strali contro governo, vertici dei Carabinieri e Cgil, l’ex militare sfodera tutte le sue armi per convincere i seguaci a prendere parte alla ambiziosa protesta. E avverte: “Se siamo quattro gatti, non possiamo fare niente. Ma se siamo tantissimi e se polizia e carabinieri non arrestano gli abusivi, li licenziamo, perché siamo il popolo sovrano“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il ritorno di Bobo Maroni: Lamorgese sceglie l’ex ministro leghista alla guida della Consulta per il contrasto del caporalato

next
Articolo Successivo

Forza Nuova, ok del Senato alle due mozioni: ma il testo del centrosinistra chiede solo di “valutare le modalità per lo scioglimento”

next