Non solo la zanzara tigre e quella giapponese. A Milano ora arriva anche la zanzara coreana, che con la sua resistenza al freddo promette di tormentare i cittadini perfino d’inverno. Lo rivela una ricerca condotta dall’Università degli Studi di Milano, che spiega come la specie di insetto originaria della Corea e di altri Paesi orientali sia ormai largamente diffusa in tutta la Lombardia e minacci di estendersi ad altre regioni. L’aedes koreicus questo il nome scientifico dell’animale – è endemica in Giappone, nel nord della Cina, in Corea del Sud e in alcune zone della Russia. Si caratterizza per la capacità di sopravvivere alle basse temperature, una proprietà che le permette di rimanere attiva anche nelle altre stagioni dell’anno e non solo d’estate, come invece accade alle sue ben più note cugine.

Durante un programma di sorveglianza sui siti a rischio di introduzione di nuove zanzare invasive nelle province di Bergamo e Brescia, i ricercatori della Statale hanno scoperto che su oltre 6mila larve raccolte molte appartenevano proprio a questa specie e in particolare al ramo proveniente dall’isola vulcanica sudcoreana del distretto di Jeju. A portarle nella Penisola, spiegano gli scienziati responsabili dello studio, è stato un complesso insieme di fattori che comprendono lo spostamento di persone e merci, la disponibilità di ambienti adatti allo sviluppo e anche condizioni climatiche sempre più favorevoli. “La zanzara coreana è stata segnalata per la prima volta in Italia nel 2011 in provincia di Belluno, ad altitudini e condizioni climatiche inadatte per la sopravvivenza della maggior parte delle specie simili”, spiega Sara Epis, docente del Dipartimento di Bioscienze della Statale di Milano e coordinatrice della ricerca. “Da allora le segnalazioni nel nord Italia sono però aumentate”, aggiunge l’accademica, secondo cui l’insetto “ha già colonizzato un’ampia area collinare-montana del Veneto e Trentino“.

Le fa eco anche un altro autore dello studio, Paolo Gabrieli, che spiega come “la zanzara coreana si sta diffondendo dall’originaria area infestata verso l’Italia meridionale e occidentale“: “la sua presenza nella provincia di Bergamo ci porta a pensare che l’aeroporto internazionale di Orio al Serio possa essere una possibile via di introduzione”, precisa. In alternativa “potrebbe essere stata introdotta da altre località del Paese o dalla Svizzera“. La diffusione incontrollata di zanzare provenienti da altre aree del pianeta è un fenomeno che preoccupa gli studiosi, che da anni sottolineano l’importanza di intensificare le indagini sulle specie più invasive. Si tratta infatti di animali non solo fastidiosi e molesti ma soprattutto potenzialmente pericolosi perchè in grado di trasmettere virus patogeni per l’uomo. È il caso della zanzara giapponese, che può portare malattie mortali come la Dengue, la Chikungunya e la West Nile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Vaccino Covid, ok dell’Ema al preparato Pfizer pronto all’uso che si conserva in frigo: verrà prodotto anche in Italia a Monza e Anagni

next
Articolo Successivo

Green pass e i dubbi sul piano giuridico, la nostra risposta a Massimo Cacciari

next