Non si ferma l’emorragia di nuove targhe in Europa. A settembre nella zona UE, compresi paesi Efta e Regno Unito, le immatricolazioni sono diminuite del 25.2% (972.723 unità), mentre il cumulato relativo ai primi nove mesi del 2021 registra una crescita del 6,9% (9.161.918 pezzi in totale) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, che tuttavia ha prodotto numeri notevolmente più bassi rispetto al normale per via dell’emergenza sanitaria.

Secondo l’Acea, quello passato è stato il peggior settembre dal 1995, per quel che riguarda le vendite. Un calo che l’associazione continentale dei costruttori imputa agli strascichi della pandemia ma soprattutto dalla diminuita disponibilità (e dunque offerta) di veicoli causata dalla carenza di semiconduttori che sta affliggendo la produzione industriale. E che ha coinciso con le performance deludenti dei principali mercati continentali, tutti alle prese con cali a due cifre: Italia (-32,7%), Germania (-25,7%), Francia (-20,5%) e Spagna (-15,7%).

In questo contesto Stellantis ha perso circa 78 mila vetture rispetto a settembre 2020, pari al 30,4% delle vendite totali, mentre la sua quota di mercato è scesa dal 19,8% al 18,4%. Non è andata meglio ad altri gruppi industriali, come ad esempio Renault che ha perso il 24,2%, Daimler (-48,1%) e Volkswagen (-29,7%). Unici, in controtendenza, i coreani di Hyundai, che hanno visto crescere le loro vendite del 26,9%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stellantis, diffusi i risultati del progetto di guida autonoma L3Pilot

next
Articolo Successivo

Bmw Urban Store, parte da Roma il progetto pilota mondiale sulla customer experience

next