“Nella Costituzione si stabilì il divieto della ricostruzione del Partito fascista. Questa disposizione sarà attuata dalla legge Scelba del 1952 e negli anni 70 ci saranno 2 esempi di scioglimento di organizzazioni che replicavano il modello del Pnf. Si può procedere con un decreto legge ma questa possibilità è limitata a casi molto gravi. Governo e Parlamento possono valutare questa strada, più rapida e più forte”. Lo ha spiegato il rettore dell’università Lumsa Francesco Bonini, politologo e storico delle istituzioni politiche, riguardo alla possibilità di uno scioglimento di Forza Nuova. “È una decisione politica. Ci sono gli estremi per lo scioglimento di Forza Nuova. Quello che è successo sabato a Roma è un mix tra le violenze di Capitol Hill e quelle dei gilet gialli. Se il governo non troverà un accordo la magistratura sicuramente procederà. I tempi? Non abbiamo particolare fretta. Le parole della Meloni sulla matrice? Una chiara posizione antifascista gioverà politicamente alla Meloni”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Assalto alla sede Cgil, Conte a La7: “Meloni la smetta di dire che è alla ricerca della matrice perduta”. Botta e risposta con Sallusti

next
Articolo Successivo

“Domanda inevitabile? In realtà è evitabilissima…”. La battuta di Draghi al giornalista in conferenza stampa

next