Libero De Rienzo è morto in seguito “ad un arresto cardiorespiratorio per intossicazione acuta da eroina“. La Procura di Roma ha chiuso le indagini a carico del cittadino gambiano Mustafà Minte Lamin, il 32enne accusato di avere ceduto a De Rienzo la droga che gli ha provocato la morte, lo scorso 15 luglio. Il decesso del protagonista di Santa Maradona è avvenuto a causa di una overdose di eroina. Dagli esami tossicologici è emerso che l’attore aveva assunto anche cocaina e ansiolitici che però non sarebbero la causa della morte. Nei confronti dell’indagato le accuse sono di morte come conseguenza di altro reato, detenzione e cessione di sostanza stupefacente. L’arresto del cittadino gambiano è avvenuto lo scorso 28 luglio in flagranza di reato mentre era intento a vendere droga nella zona di Torre Angela, a Roma. In base a quanto ricostruito dai carabinieri il pusher ha ceduto eroina anche ad altre cinque persone.

De Rienzo, 44 anni, era stato trovato morto a casa: viveva a Roma in zona Madonna del Riposo. Un amico aveva chiamato i carabinieri perché l’attore non rispondeva alle sue telefonate. La Procura di Roma aveva aperto un’inchiesta poco dopo il decesso dell’attore, per accertarne le cause. Viene inoltre disposta l’autopsia. Lamin viene arrestato a fine luglio: operava “a domicilio” spostandosi in metropolitana fra le zone della Capitale. Il 14 luglio si trovava vicino all’abitazione dell’attore, lo dicono i tabulati telefonici. Durante la perquisizione del suo appartamento, gli sono stati sequestrati altri 7,7 grammi della stessa sostanza stupefacente. Lamin è adesso in carcere a Regina Coeli, oltre che per diversi episodi di spaccio nei confronti di altri soggetti, anche per aver ceduto la droga a De Rienzo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Daniel Craig e Kate Middleton per la prima di ‘No Time to Die’. Lei omaggia Lady D e l’attore ‘non resiste’

next