Si è fermato per un incidente tra un‘auto e un cinghiale avvenuto davanti a lui, ma, al posto di soccorrere gli occupanti della macchina, ha caricato nel bagaglio la carcassa dell’animale morto ed è ripartito. È successo – come raccontato dall’edizione torinese di Repubblica – lungo la statale per Riva presso Chieri, in provincia di Torino.

“In auto eravamo io, il mio compagno e mio figlio di 3 anni – ha raccontato una dei passeggeri del veicolo coinvolto nello scontro – L’auto è distrutta, sono scoppiati tutti gli airbag, ma nessuno si è fatto male“.

Quando ha sentito che un’altra auto si stava avvicinando ha sperato in un aiuto o che qualcuno volesse accertarsi che che stessero tutti bene: “E invece abbiamo sentito il motore accendersi di nuovo e il cinghiale non c’era più. Che vergogna”. Sul posto sono poi intervenuti i carabinieri, ma al momento dell’altro conducente al momento non si hanno notizie.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, Salvini contestato da abitanti e centri sociali all’incontro elettorale a San Siro

next
Articolo Successivo

L’appello di Locatelli ai non immunizzati: “Vogliatevi bene, vaccinatevi. Green pass? Scelta di libertà”

next