L’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha reso disponibili i medicinali anakinra, baricitinib e sarilumab per il trattamento del Covid-19. Lo rendo noto la stessa Aifa. Nella riunione straordinaria del 23 settembre 2021, la Commissione Tecnico Scientifica (CTS) di Aifa, si spiega in una nota, ha valutato le nuove evidenze che si sono rese disponibili all’utilizzo per il trattamento del Covid-19 dei tre farmaci immunomodulanti, al momento autorizzati per altre indicazioni. Sono stati inseriti nell’elenco della L.648/96, che consente la copertura a carico del Servizio Sanitario Nazionale. Il provvedimento sarà efficace dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Pur avendo proprie specificità, afferma l’Aifa, “si aggiungono al tocilizumab nel trattamento di soggetti ospedalizzati con Covid-19 con polmonite ingravescente sottoposti a vari livelli di supporto con ossigenoterapia”. Tale decisione, basata sulle evidenze di letteratura recentemente pubblicate, allarga il numero di opzioni terapeutiche e nello stesso tempo consente di evitare che l’eventuale carenza di tocilizumab o di uno di questi tre farmaci possa avere un impatto negativo sulle possibilità di cura.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Anziani, lo studio sull’acido ippurico possibile indicatore dello sviluppo della fragilità

next