Quanto dura la protezione conferita dai vaccini anti Covid? Negli ultimi mesi sono stati diversi gli studi che hanno analizzato i dati sulla popolazione vaccinata. L’ultima ricerca è italiana e raccoglie i dati di 2.179 operatori dell’Ospedale Niguarda di Milano, che hanno partecipato allo studio clinico Renaissance, ricerca che intende valutare la risposta immunitaria al vaccino nel lungo periodo (da 14 giorni a 1 anno). A sei mesi dal completamento del ciclo vaccinale, gli anticorpi continuano a essere presenti nei corpi dei vaccinati. Nonostante il calo fisiologico nel numero degli anticorpi stessi, solo lo 0,4% dei vaccinati ha contratto il virus, e di questi 9 su 10 in modo asintomatico. Si tratta del primo studio avviato in Italia e uno tra i più ampi europei in termini di casistica, spiega una nota del Niguarda.

Tutti i partecipanti allo studio hanno completato il ciclo vaccinale tra gennaio e febbraio 2021, con vaccino Comirnaty di Pfizer/BioNTech. “Con le prime due analisi, cioè dopo 14 giorni e 3 mesi dalla vaccinazione, avevamo osservato una risposta anticorpale in circa il 99% dei vaccinati”, ha commentato Francesco Scaglione, direttore del laboratorio di Analisi chimiche e Microbiologia del Niguarda. Gli studi sierologici a distanza di 6 mesi confermano che nella stessa percentuale di vaccinati, cioè il 99%, vi è una buona presenza di anticorpi in circolo. Tra i pochi (1%) che invece non mostrano una risposta rilevabile, alcuni fin dall’inizio, vi sono anche soggetti con condizione clinica di immunodepressione.

Nei 6 mesi il titolo anticorpale medio è naturalmente sceso, prosegue la ricerca. In particolare, la curva di riduzione è stata più netta e veloce nei primi 3 mesi (tra i 14 giorni e i 3 mesi il calo è stato di circa il 70%) e più lenta e graduale nel periodo successivo (circa il 45%). L’86% del campione studiato possiede però, a 6 mesi di distanza dalla vaccinazione, un titolo inferiore a 1.000 Bau (Binding Antibody Unit), il 6% un titolo tra 1.000 e 1.500 Bau, un 3% tra 1.500 e 2.000 Bau e un 4% un titolo superiore a 2.000 Bau. L’1% invece non ha una risposta anticorpale rilevabile.

“È importante sottolineare che il 4% della nostra popolazione ha ancora titoli altissimi, superiori a 2000 Bau – evidenza Scaglione – il 51% di questi aveva una storia di Covid-19 prima della vaccinazione, mentre il 45% non è mai entrato in contatto con il virus”. C’è un altro dato da tenere presente e riguarda il numero di persone che si sono infettate dopo la vaccinazione, prosegue lo studio. “I dati sulle infezioni sono estremamente confortanti – continua il ricercatore – soltanto 10 operatori sanitari, infatti, hanno contratto l’infezione e, soprattutto, 9 su 10 in maniera asintomatica o paucisintomatica e solo uno in maniera sintomatica. Tra l’altro in questo caso si trattava di uno dei soggetti fragili che non aveva inizialmente risposto alla vaccinazione“. Anche in presenza di un numero relativo basso di anticorpi evidentemente, una volta a contatto con il virus, sembra che si attivi una risposta efficace e rapida grazie ai linfociti T, le cellule ‘sentinella’ che permettono di produrre una protezione duratura contro il Covid grazie alla cosiddetta ‘memoria immunitaria’. “I risultati dello studio ci stimolano ad approfondire ancora di più la dinamica della risposta immunitaria e ci confermano come la migliore arma contro la diffusione del virus sia la più ampia vaccinazione possibile” conclude Scaglione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Una meteora “sfiora” la costa della Carolina del Nord: il video della “palla di fuoco” che attraversa il cielo

next
Articolo Successivo

Anziani, lo studio sull’acido ippurico possibile indicatore dello sviluppo della fragilità

next