Sono 2.407 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 3.838. Sono invece 44 le vittime in un giorno, ieri erano state 26. Sono stati 122.441 i tamponi molecolari e antigenici. Ieri erano stati 263.571. Il tasso di positività è all’1,9%, in aumento rispetto all’1,4% delle 24 ore precedenti. In decremento il numero di pazienti ricoverati in terapia intensiva in Italia: sono 523, con un calo di 7 rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono 21. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 3.982, con un aumento di 53 rispetto a ieri.

Venerdì l’analisi dei dati del monitoraggio della settimana ha mostrato un miglioramento grazie alle vaccinazioni. “L’Italia si sta schiarendo in una Europa dove la circolazione del virus sta lentamente decrescendo – ha detto il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, alla conferenza stampa – . L’Italia si caratterizza come uno dei Paesi con la circolazione più contenuta. La curva in Italia è rimasta contenuta, e ciò grazie alle vaccinazioni, e nell’ultimo periodo c’è un decremento”. I numeri dicono che “la trasmissibilità con l’indice Rt e ricoveri mostrano una decrescita. L’età mediana di chi contrae l’infezione è in leggera crescita a 38 anni, e di ingresso in intensiva è 62-63 anni. I casi sono in decrescita tra i giovani”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Bertolaso: “Se i numeri continuano a migliorare, si può pensare di ridurre l’uso della mascherina”

next