“L’estensione del Green pass? Forse è una forzatura, ma chiedo: dov’è il problema a vaccinarsi?”. Così Andrea Scanzi, conduttore del talk politico ‘Accordi&Disaccordi’, insieme a Luca Sommi, con la partecipazione di Marco Travaglio, in onda su Nove ha controbattuto al commento fatto dal direttore de Il Fatto Quotidiano che si è detto contrario all’obbligo della certificazione verde. Secondo il giornalista, “Travaglio ha ragione quando dice che siamo il primo paese in Europa, che somigliamo all’Arabia Saudita”, ma pone una domanda: “Qual è il problema del Green pass? Non è che per ottenere il Green pass chiedono di buttarti da un ponte o di flagellarti nudo o di andare ospite di Porro, non è che devi fare delle cose tragiche per la tua esistenza: devi vaccinarti. Qual è il problema se siamo dentro una pandemia, mi spiegate qual è il problema nel vaccinarsi?”. Il giornalista ha poi commentato l’atteggiamento di alcuni filosofi e professori che hanno dichiarato la loro contrarietà al Green pass: “Io ho la sensazione che la situazione non sia così sotto controllo come dice Marco. Secondo me sono molto più violenti e lo dico anche da persona che si becca gli insulti. Lo dico da persona che ne ha piene le scatole di certi toni dei no-vax e lo dico anche da persona che con tutto il rispetto, rispetto nei confronti di tutti quelli che esprimono delle perplessità nei confronti del Green pass come Montanari, Barbero, Cacciari, ha la sensazione che in questa fase storica ci sia una sorta di eccesso di esercizio dell’intelligenza. Quando sei molto intelligente la usi sempre al 300% e rischi di diventare capzioso e di spaccare il capello in quattro”. E ancora: “Se non vai a lavorare a meno che non ti vaccini cos’è che ti impedisce di andare a vaccinarti visto che ti puoi vaccinare da gennaio? Chiaramente se puoi farlo, se sei allergico no, ci mancherebbe altro! Ma cos’è che ha impedito a oggi, da gennaio a ora, di vaccinarsi a un 50enne o un 60enne? E perché io devo accettare che le terapie intensive vengano non dico riempite, ma occupate da no-vax che magari prendono il posto a infartuati o a gente malata di cancro, che non trova il posto perché qualcuno si è fatto le pippe fino a oggi o fino a domani perché non si è fatto il vaccino. È questo che mi dà un po’ fastidio. Quindi ok, forse c’è qualche forzatura, ma tutto sommato chissenefrega“, ha concluso Scanzi.

‘Accordi&Disaccordi’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile in live streaming e successivamente on demand sul nuovo servizio streaming discovery+ nonché su sito, app e smart tv di TvLoft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alessandro Cecchi Paone ad Accordi&Disaccordi (Nove): “I negazionisti hanno rimosso i 130mila morti per Covid”

next
Articolo Successivo

Tutta scena – Il teatro in camera al Globe Theatre, su TvLoft il Saverio Raimondo Live

next