Il deputato del Movimento 5 stelle, Giovanni Vianello, ha lasciato il gruppo dopo aver votato contro il decreto “grandi navi” alla Camera, in difformità con quanto fatto dal resto del Movimento. Ad annunciarlo è stato lo stesso Vianello, prendendo la parola in Aula: “La prima cosa che ha fatto il Movimento con il nuovo capo politico è stato presentare un emendamento al Senato per garantire la continuità produttiva dell’Ilva di Taranto, notoriamente lo stabilimento crea malattia e morte – ha spiegando, parlando di “ultima beffa che si fa dell’ambiente” – Dopo aver votato norme di favore per le trivellazioni siamo arrivati al punto di dare soldi a un’industria che crea malattia e morte”. Secondo Vianello “si doveva chiudere quell’area a caldo“, invece, “abbiamo fatto come tutti gli altri” e con il decreto grandi navi sono stati “celati 700 milioni da dare all’Ilva”. “Per questo annuncio il mio voto contrario e contemporaneamente l’uscita dal gruppo del Movimento 5 stelle”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rave party di Viterbo, Lamorgese: “Sgombero rischioso, tra partecipanti anche bambini. Scorta ai camper? Termine improprio, era monitoraggio”

next
Articolo Successivo

Caro bollette, decreto ad hoc con stanziamento di 3 miliardi: dal consiglio dei ministri il primo intervento per evitare la stangata

next