Quando si parla di green pass tra “tamponi e vaccini non c’è un’equivalenza” ma sono “strumenti che danno informazioni diverse” nella finalità comune di “garantire determinate attività”. A dirlo è Silvio Brusaferro durante la conferenza stampa sull’analisi dei dati del Monitoraggio regionale della Cabina di Regia. “Il vaccino” anti-Covid “è uno strumento che stimola il nostro sistema immunitario e ci fa sviluppare una protezione, degli anticorpi che in qualche modo fanno sì che se entriamo in contatto con il virus si riduce la probabilità dell’infezione e il rischio che si trasformi in una patologia importante”, ha spiegato Brusaferro. Mentre il tampone “non è nulla di tutto ciò” ma “un test che vale nel momento in cui viene eseguito, non protegge nulla”. “Il tampone – ha quindi proseguito – è una certificazione che in quel momento nella persona non alberga il virus, ma non implica che due o tre ore dopo non possa svilupparlo, e non una protezione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pantelleria, tromba d’aria si abbatte sull’isola: 2 morti e nove feriti. “Scena apocalittica”. Le vittime scaraventate fuori dalla loro auto

next
Articolo Successivo

Monopattini, l’ortopedico: “Si rischiano sia traumi da pedone che da ciclista. A 25 km/h il cranio si frattura: servono casco, luci, patente”

next