Lo Stato americano della Louisiana attende preoccupato l’arrivo dell’uragano Ida, atteso nella giornata di domenica 29 agosto. Ida è una “supertempesta” di livello 4, più forte dell’uragano Katrina che devastò la stessa zona 16 anni fa. In avvicinamento da ovest rispetto a New Orleans, i venti di Ida potrebbero arrivare a una velocità di 225 km/h rendendo alcune aree della Louisiana “inabitabili per settimane o mesi”, avvertono dal National Weather Service. Intanto, il presidente americano Joe Biden ha attivato lo stato d’allerta per la Louisiana.

Le prime evacuazioni, sia comandate che volontarie, dalle aree più a rischio sono già state predisposte. “Se siete sulla traiettorie della tempesta seguite le istruzioni locali sulle evacuazioni” twitta il presidente dalla Casa Bianca. Oltre a forti piogge e venti, il Nws prevede anche un alto “rischio di mareggiate pericolose per la vita lungo la costa del Golfo”. La Federal Emergency Agency (Fema) – la protezione civile americana – ha già inviato quasi 500 agenti in Louisiana e Texas, a cui va aggiunto un contingente di altri 2.000 agenti pronti ad intervenire in caso di bisogno. Anche il governatore della Louisiana John Bel Edwards ha dato l’allarme e, insieme a Biden, ha comunicato di avere già pronta la concessione di fondi federali per finanziare la ricostruzione. Per la sindaca della città di New Orleans LaToya Cantrell, l’uragano Ida “rappresenta una drammatica minaccia” per tutta la popolazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Los Angeles, il video dell’arresto del giocatore Nba Jaxson Hayes: ginocchio sul collo e taser. E lui urla: “Non riesco a respirare”

next