“Penso che sia un’approvazione che elimina tutta una serie di ambiguità, che erano nate: ho sentito tantissime volte persone che dicevano che non si vaccinavano perché questo vaccino era autorizzato in via emergenziale, e non tenevano conto appunto del fatto che dopo quattro miliardi di dosi somministrate in via emergenziale, ‘autorizzato’, di fatto, era un termine che si sarebbe rapidamente aggiornato con l’approvazione. Chi non si vaccinava, perché era un vaccino autorizzato in via emergenziale, non ha più quest’alibi: dal punto di vista della paura delle persone, questi sono vaccini che sono stati somministrati in quattro miliardi di dosi, e hanno degli effetti collaterali minimi e reversibili”. Lo ha detto a Sky TG24 Andrea Crisanti, docente di microbiologia dell’Università di Padova, ospite di ‘Timeline’, commentando la piena approvazione da parte della statunitense Food and Drug Adminstration (FDA) per la somministrazione del vaccino anti-Covid di Pfizer-BioNTech dai 16 anni in su.

“Sono vaccini estremamente sicuri – ha proseguito il professore: non c’è più questo alibi formale che veniva utilizzato. Dal punto di vista giuridico diventa un vaccino approvato, che apre le porte a provvedimenti di legge che possono indurre all’obbligo della vaccinazione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i dati: 4.168 nuovi casi e 44 morti nelle ultime 24 ore. Positività sale al 4,1%. In aumento anche intensive e ricoveri ordinari

next
Articolo Successivo

Archivio di Stato, De Pasquale “inadatto per motivi tecnici e morali”: l’Associazione vittime delle stragi risponde a Franceschini

next