di Gionata Borin

La Calabria brucia; la terra da cui derivano metà delle mie origini brucia. Come il resto del Meridione d’Italia. Bruciano La Sila; il Pollino. Brucia l’Aspromonte; brucia il patrimonio Unesco. Brucia l’identità e la storia di un territorio. Ma il fuoco che sta devastando ettari ed ettari di macchia mediterranea non è causato solo da disattenzioni, incuria, fatalità, sconsideratezza. Non ne sono solo complici il surriscaldamento globale e le alte temperature.

No, il fuoco che brucia la Calabria è il frutto d’interessi illeciti e criminali. Un fuoco che ha cause e responsabilità ben chiare, precise, definite: si chiamano mafia, ‘ndrangheta e “malapolitica” o meglio “politica clientelare, sprecona e collusa”.

Gli interessi delle mafie dietro agli incendi secondo me sono molteplici. Ecco quelli che mi sembrano preponderanti: riaffermazione del controllo sul territorio, distrazione dei fondi destinati al rimboschimento, speculazioni edilizie che deriverebbero dal mutamento di destinazione urbanistica dei terreni incendiati, business per impianti fotovoltaici ed eolico, allevatori e pastori disonesti (molto spesso vicini alle mafie) che appiccano incendi per avere più terreni per i pascoli, garantendo il controllo del territorio ai clan e accedere ai fondi europei per l’acquisto di bestiame.

Questo causa naturalmente ritorsioni nei confronti degli allevatori onesti, quelli che non cedono alle minacce degli ‘ndranghetisti a cui fanno gola i loro terreni, enti pubblici regionali per la prevenzione anti-incendio boschivo, come “Calabria Verde”, che costa annualmente 160 milioni di euro di stipendi, conta 4.800 addetti ed è stata usata dalla politica come “moneta di scambio” clientelare, con assunzioni di personalità a cui manca una formazione specifica o addirittura assumendo uomini delle ‘ndrine.

Le fiamme che stanno devastando la Calabria sono il segno evidente e tangibile di una terra depredata e abbandonata negli ultimi 30 anni (e oltre) da una classe dirigente, da destra a sinistra che, alternandosi con una buona dose di trasformismo, si è sempre seduta al tavolo del “Sistema” assieme a ‘ndrangheta; massoneria deviata; (im)prenditoria; professionisti; pezzi di magistratura deviata.

Tutti pronti a spartirsi la torta. Un “Sistema” che ha ridotto la Calabria ad essere la Regione più povera d’Europa, con conseguenze ben evidenti: peggior servizio sanitario a livello nazionale, disoccupazione e quindi la negazione dei più basilari diritti costituzionali che va ad ingrassare sacche politico-clientelari e richieste di favori al boss della zona, nate da esigenze reali; emigrazione di giovani; abusivismo edilizio, sistemi di depurazione delle acque inefficace, scarichi abusivi e mari inquinati; crisi dei rifiuti; opere pubbliche incompiute e appunto gli incendi.

Ma i calabresi onesti, che sono la stragrande maggioranza, hanno una possibilità di riscatto. La possibilità di rovesciare “il Sistema” con il voto alle elezioni regionali del 3 e 4 ottobre. Vi chiedo, quindi, di non disperdere il vostro voto; ma di guardare all’interno delle varie liste che si presenteranno, verso quelle persone credibili e pulite con una storia concreta alle spalle fatta di battaglie ed esperienze “sane”, che non puzzino di compromesso morale e che possano garantire rottura del Sistema e capacità amministrativa.

Guardate a quei candidati che non solo sono onesti ma che appaiano anche tali. Rifiutate quindi di esprimere il vostro voto per i trasformisti; per chi vi promette il posto di lavoro, la raccomandazione e il favore; per chi candida figli, parenti e amici degli amici in modo da dare continuità alla propria egemonia; per chi ha pessime frequentazioni come con gli ‘ndranghetisti. Ma non fermatevi alla mera delega: impegnatevi in prima persona nella politica, nel sociale e nel volontariato; occupando quegli spazi che l’intervento repressivo dell’autorità giudiziaria vi ha liberato. Fatelo!

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La sanità senza scandali che vorrei (e avrebbe voluto anche Gino Strada). Qualcuno ascolterà?

next
Articolo Successivo

Estate: può capitare che il periodo più desiderato dell’anno si faccia incubo

next