Strade e posti di blocco nella Green Zone di Kabul sono deserti. Il paesaggio nella zona fortemente fortificata, sede delle ambasciate e della missione NATO afgana, è spettrale. Da quando i talebani hanno preso il controllo del Paese, entrando nella capitale, e il presidente Ashraf Ghani è fuggito all’estero, sono state effettuate diverse evacuazioni e l’area appare ora vuota.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kabul, la studentessa: “Ora nascondiamo i diplomi, per strada ci urlano di mettere il burqa”. L’appello: “Non abbandonare le donne. Italia e Ue aprano canali umanitari”

next
Articolo Successivo

Afghanistan, se Emergency potrà rimanere continuerà a curare le vittime. Anche se talebane

next