“Chi scarica il green pass e lo utilizza è espulso da Forza Nuova“. In una circolare interna il movimento di estrema destra sostiene l’incompatibilità tra “le nostre lotte e la carta verde”. Giuliano Castellino, leader romano, sostiene che non si tratti di una battaglia contro il vaccino: “Chiunque sceglie di vaccinarsi può scendere in piazza con noi a manifestare. Ciò che contestiamo, e riteniamo inconciliabile con le nostre lotte – sostiene Castellino – è il Green Pass“. E definisce chi fa utilizzo della certificazione verde “schiavo perfetto perché non si accorgerà di esserlo”. Spiega così la circolare interna inoltrata a tutti gli iscritti e della quale è firmatario insieme a Roberto Fiore, a Luca Castellini, a Davide Pirillo e a Giuseppe Provenzale. “Per noi – spiega – quella carta verde è come nel comunismo avere il libretto rosso, pena il gulag“.

Nello specifico la circolare parla di “guerra del sistema contro le libertà fondamentali” e di “green pass” inteso come “arma definitiva necessaria al regime per procedere sulla via di un altrettanto definitivo controllo sociale fondato sul terrore, che potrà essere solo ancora più asfissiante e spietato contro i dissidenti”. Mentre secondo la circolare del partito di estrema destra i dissidenti “italiani di serie B, i nuovi paria che rifiuteranno di sottomettersi, saranno condannati a una vera e propria segregazione sociale su sedicenti basi sanitarie”.

Di qui la conclusione sembra chiara: “sarebbe, dunque, assolutamente inconcepibile – si legge nella circolare – che un forzanovista, oggi combattente di prima linea contro il Green Pass, pensasse di combattere questa guerra avendo scaricato il passaporto sanitario, mentendo a se stesso e ai suoi camerati fingendo di fare il guerriero ma avendo già venduto l’anima al nemico. Per queste ragioni, all’unanimità, l’Ufficio Politico del Movimento ha deliberato che chiunque, militante o dirigente, per qualunque ragione si adeguasse a questa intollerabile e definitiva operazione di controllo sociale, subirà l’immediata e irrevocabile espulsione da Forza Nuova”. E poi: “Ogni assistenza legale ed economica possibile sarà fornita ai nostri che dimostreranno con il rifiuto del lasciapassare la propria coerenza, fino all’eroismo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Viaggio nel “Buco nero” del deep web: tra suprematismo bianco, propaganda di estrema destra e teorie del complotto – Il podcast

next
Articolo Successivo

Il segretario leghista di Bologna e il tatuaggio con simboli nazisti: “Mi piace la mitologia”

next