Vanessa Ferrari è medaglia d’argento alle Olimpiadi di Tokyo nel corpo libero. L’atleta azzurra, 30 anni, conquista il podio alla sua quarta partecipazione ai Giochi. La prima e ultima medaglia azzurra nella ginnastica femminile risaliva ad Amsterdam 1928, i primi aperti alle donne.

Infortuni, cinque interventi chirurgici, compresa la rottura di un tendine d’achille, medaglie di legno, dopo una vita sportiva di sofferenze, passata a inseguire il podio olimpico, la ginnasta di Orzinuovi, nel Bresciano, raggiunge l’obiettivo sognato per l’intera carriera.

“Ci ho provato più volte e il destino sembrava una beffa, gli infortuni che mi hanno spezzata. Ma io volevo la possibilità possibilità giocarmi ancora le mie carte e non ho fallito. È storia. Italia, c’è la magia nell’aria la sentite?”, scrive sui social la ginnasta.

Il suo esercizio – eseguito sulle note di Con te partirò di Andrea Bocelli – sfiora la perfezione, superato nella valutazione dei giudici solo dalla statunitense Jade Carey, che con 14.336 si prende l’oro.

Tre diagonali acrobatiche e uscite perfette sono valse a Ferrari il punteggio di 14.200, abbastanza per staccare tutte le altre avversarie comprese la russa Angelina Melinkova e la giapponese Mai Murakami, entrambe con 14.166, bronzo ex aequo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tokyo 2021, atleta bielorussa rifiuta rimpatrio forzato dopo le critiche alla delegazione. Il Cio interviene: “La proteggiamo noi”

next