Da alcuni anni abbiamo visto come il mercato degli smartphone ricondizionati abbia segnato una svolta per chi vuole acquistare un smartphone garantito con un prezzo minore rispetto a quello del nuovo. Ai clienti piace questa formula di acquisto e, secondo una ricerca di Counterpoint, nella seconda metà del 2020 è aumentata del 4% rispetto ai primi 6 mesi dello stesso anno. Ma la notizia non si ferma qui perché c’è da segnalare che i dati sono in crescita da svariato tempo, con un anno 2020 migliore del 2019 e così via.

Inoltre, secondo il sito di ricerca Counterpoint, la pandemia ha giocato un ruolo chiave nella proliferazione di smartphone ricondizionati in quanto nel 2020 – anno che ha subito la maggior parte di blocchi e restrizioni a livello sociale – se ne sono prodotti meno. Alcuni sono stati rimpiazzati dai ricondizionati che hanno preso il loro posto nelle mani dei clienti.

L’indagine eseguita è stata estesa a tutto il mondo e ha raccolto dati negli Stati Uniti, America Latina, Europa, Sud Est asiatico, Africa e India (come mostra l’immagine con i relativi grafici). Gli smartphone ricondizionati maggiormente venduti, nemmeno a dirlo, sono stati quelli Apple che mediamente avevano fino a 3 volte più alto il loro prezzo rispetto a quello degli altri brand concorrenti.

Inoltre, sempre parlando di dispositivi made in Cupertino, l’affermazione del 5G non ha influito affinché i clienti acquistassero smartphone ricondizionati dotati della “sola” tecnologia 4G. Counterpoint riferisce con i suoi dati che l’incidenza del mercato ricondizionato aumenterà ancora nel 2021 e a trainare gli acquisti sarà un prezzo medio di vendita a volte significativamente più basso rispetto allo stesso prezzo del modello nuovo. E, ancora una volta, Apple potrebbe aumentare ancora di più la sua base installata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Beats Studio Buds, gli auricolari wireless arrivano in Italia

next
Articolo Successivo

Windows 11 il prossimo 20 ottobre? Nuovi indizi lo lasciano pensare

next