Microsoft sta lavorando a un nuovo strumento per il suo web browser Edge, che consentirà finalmente agli utenti di interrompere la riproduzione automatica dei contenuti multimediali quando sono online: una funzione sicuramente attesa da milioni di persone nel mondo.

In base a una voce della roadmap di Microsoft 365, Microsoft Edge versione 92 includerà infatti la possibilità di modificare la voce predefinita per consentire la riproduzione automatica di supporti nel browser.

“Per aiutarti a mantenere lo stato attivo online, abbiamo modificato l’impostazione predefinita per la riproduzione automatica dei contenuti multimediali in Limita da Consenti, a partire da Microsoft Edge versione 92”, ha osservato Microsoft nelle note sulla versione.

La funzione è elencata come disponibile ora e dovrebbe essere completata entro la fine di luglio 2021. Gli utenti del canale beta di Microsoft Edge vedranno disponibile l’opzione per il nuovo strumento, prima di un’implementazione più ampia.

Microsoft Edge offre attualmente due opzioni per gli utenti per controllare la riproduzione automatica dei contenuti multimediali: “Consenti” (l’impostazione predefinita corrente), in cui tutti i video di un sito Web verranno riprodotti automaticamente con l’audio e “Limite”, in cui i contenuti multimediali non verranno riprodotti automaticamente nei siti visitati in precedenza da un utente. La possibilità di impedire la riproduzione automatica dei media è invece già presente in Google Chrome da qualche tempo.

Intanto, secondo i recenti dati di Statcounter, Edge avrebbe superato Firefox nella classifica dei browser, conquistando così il secondo posto dietro Chrome, seppure a una distanza siderale. Microsoft Edge dovrebbe infatti detenere il 3,4% del mercato dei browser, mentre Firefox sarebbe scivolato al 3,29%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Xiaomi Redmi Note 9s, smartphone di fascia media in offerta sul Web

next
Articolo Successivo

Beats Studio Buds, gli auricolari wireless arrivano in Italia

next