Alla scadenza del termine delle 18 sono 1.631 i sub-emendamenti depositati dai partiti alla riforma Cartabia, di cui 275 relativi all’articolo 14, quello sulla prescrizione processuale. Ben 917 (più della metà) sono firmati dal Movimento 5 Stelle. Altri 403 vengono da “L’alternativa c’è” (componente del Misto formata da ex pentastellati), 120 da Forza Italia, 65 da Italia viva, 39 da Fratelli d’Italia, 21 dal Pd e 12 dalla Lega. Insomma, chi più chi meno, chi in un senso e chi nell’altro, tutte le forze politiche hanno qualche aggiustamento da proporre. I grillini, dal canto proprio, l’intenzione di dare battaglia l’avevano annunciata da giorni – già nelle ore immediatamente successive al voto in Consiglio dei ministri – e lunedì è stata confermata dal premier Giuseppe Conte dopo l’incontro con Mario Draghi.

A scaldare ulteriormente gli animi, il giorno dopo, è arrivata l’audizione del procuratore di Reggio Calabria Nicola Gratteri: “È stata drammaticamente chiara: la riforma del processo penale messa a punto dalla ministra Marta Cartabia deve essere modificata. Tra tutte le critiche espresse da Gratteri quelle che più preoccupano, poiché prefigurano scenari inquietanti, sono relative alle conseguenze concrete: convenienza a delinquere e diminuzione del livello di sicurezza per la Nazione”, scrivono in una nota i deputati della commissione Giustizia. “Il procuratore capo di Catanzaro – proseguono – ha parlato anche di un abbassamento della qualità del lavoro dei magistrati causato dalla fissazione di una tagliolà con termini troppo rapidi. Gratteri ha correttamente preannunciato un ‘aumento smisurato di appelli e ricorsi in Cassazionè perché ‘con questa riforma a tutti, nessuno escluso, conviene presentare appello e poi ricorso in Cassazione non foss’altro per dare più lavoro ed ingolfare maggiormente la macchina della giustizià. Si tratta di considerazioni che devono indurre tutti a rivedere e modificare nel profondo la riforma, soprattutto con riguardo a prescrizione e improcedibilità. Ne va del futuro del Paese” concludono.

Modifiche erano state annunciate anche Debora Serracchiani, capogruppo del Pd alla Camera, ma in numero molto minore: “Siamo convinti che l’impianto della riforma Cartabia sia estremamente valido. Ä già stato fatto un lavoro collettivo da esperti e gruppi parlamentari” ma “il testo che uscito dal Cdm ha necessità di aggiustamenti. Uno di questi riguarda la prescrizione come è stata immaginata, che ha una certa rigidità e potrà essere applicata in questa forma quando effettivamente avremo organici e un’organizzazione diversa della giustizia”. E infatti l’emendamento dem più importante allunga, fino al 31 dicembre 2024, i termini superati i quali scatta l’improcedibilità, in Appello e in Cassazione, rispettivamente a tre e due anni. Altri allargano – sulla scia di quelli M5s – il novero dei reati per i quali è possibile l’allungamento a tre anni e a 18 mesi, oppure eliminano del tutto l’elenco, attribuendo al giudice la possibilità di chiedere la deroga per qualsiasi reato nei procedimenti più complessi. Emendamenti che, spiega Bazoli, “introducono una maggiore flessibilità e più discrezionalità per i giudici procedenti. Si tratta di emendamenti con ipotesi alternative tra loro che offriamo come spunto di riflessione”. Altre proposte dem riguardano la messa alla prova e i riti alternativi, “recuperando una serie di proposte uscite dalla Commissione Lattanzi” con lo scopo di deflazionare i carichi degli uffici giudiziari.

La diretta interessata, cioè la guardasigilli Marta Cartabia, difende invece il suo testo: “Le forze politiche spingono in direzioni diametralmente opposte, ma questa riforma deve essere fatta perché lo status quo non può rimanere tale. So molto bene che i termini che sono stati indicati sono esigenti per queste realtà, perché partiamo da un ritardo enorme, ma non sono termini inventati, sono quelli che il nostro ordinamento e l’Europa definisce come termini della ragionevole durata del processo, che è un principio costituzionale”, ha detto la ministra dal palazzo di giustizia di Napoli, dove la corte d’Appello ha il record negativo della durata dei processi: con la riforma salterebbero praticamente tutti.

“Con questi organici, che auspichiamo vengano in qualche modo rimpolpati, mi sembrerebbe molto triste dover trarre la conclusione che l’unico modo di fare i processi in questo Paese sia non farli, sia offrire ponti d’oro agli imputati per indurli a scegliere a suon di sconti, saldi, liquidazioni e riti alternativi”, ha detto Luigi Riello, procuratore generale di Napoli. La ministra ha replicato: “Lo status quo non è un’opzione sul tavolo. Dopo quanto ho sentito su numeri delle pendenze, i tempi delle definizioni dei giudizi, i tempi delle trasmissioni degli atti, mi domando: possiamo noi stare inerti e fermi di fronte a una Giustizia che non è un Frecciarossa che in un’ora e dieci ci porta da Napoli a Roma, che non deve fermarsi mai nelle campagne di Frosinone, ma possiamo restare sul calesse perché Frecciarossa non si inceppi?”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Bologna, dopo la guerra interna il centrodestra trova l’intesa su Fabio Battistini: Fi e Fdi appoggiano il civico della Lega

next
Articolo Successivo

Recovery, governo ancora ko in commissione: via libera a emendamento Lega sul dissesto idrogeologico. Il testo domani a Montecitorio

next