Fare annunci e predicare bene, dopo aver razzolato male. La trasformazione di Eni Gas e Luce in società benefit con abbondanza di buoni propositi inseriti nel nuovo statuto stride con quanto messo in pratica fino a oggi. Il tutto in un momento in cui l’azienda del gruppo Eni, che vende energia nelle nostra case, diventa sempre più strategica, visto che vi stanno confluendo le attività di produzione da fonti rinnovabili del Cane a sei zampe. E che l’obiettivo annunciato è di lanciare l’anno prossimo una quotazione in borsa o lo scambio di una quota di minoranza con un partner, per poi moltiplicare gli utili negli anni a venire, facendo crescere il margine operativo lordo da 600 milioni nel 2021 a oltre 1 miliardo nel 2025. Ma ora Eni Gas e Luce ci racconta che i soldi non sono tutto, perché con la trasformazione in società benefit, oltre alla massimizzazione dei profitti, deve darsi per legge anche altri obiettivi, che portino un beneficio comune.

Eni sanzionata più volte per pratiche illecite
La società di Eni promette cioè che darà valore non solo agli azionisti, ma anche ad altri portatori di interesse coinvolti nella sua attività. E ha deciso di puntare soprattutto sui benefici per i propri clienti e per l’ambiente. Proprio le due direttrici su cui sinora non ha brillato per generosità, ricevendo pesanti bocciature anche di recente. L’anno scorso l’Antitrust ha multato per 5 milioni di euro la capogruppo Eni per aver pubblicizzato come “green” un diesel che non lo era, mentre il Garante per la Privacy ha punito con una sanzione da 11,5 milioni di euro le pratiche illecite di Eni Gas e Luce ai danni dei consumatori, con attività di telemarketing indesiderato e 7.200 clienti che hanno scoperto l’attivazione di contratti sottoscritti a loro insaputa. Quest’anno si sono aggiunti i 5 milioni con cui l’Antitrust ha sanzionato Eni Gas e Luce perché ha cercato di costringere molti clienti a pagare fatture per consumi più vecchi di due anni, dunque prescritte in base alle norme introdotte dalla legge di bilancio 2018, facendo carta straccia dei reclami dei malcapitati. L’Antitrust non solo ha rilevato “una carenza di diligenza” da parte della società, ma addirittura un “profilo di spiccata aggressività irriguardoso della norma primaria, che determina un evidente indebito condizionamento nei confronti dei consumatori, indotti a corrispondere somme non dovute”.

Greenpeace: “Società benefit? È solo greenwashing”
Altro che clienti da porre “al centro della propria attività, relazionandosi con loro con correttezza e trasparenza”, come da auspici del nuovo corso di società benefit. La quale, come detto, avrà un occhio di riguardo anche per l’ambiente, per esempio “valorizzando il ricorso a fonti di energia rinnovabile ed educando a un consumo energetico consapevole ed efficiente, per contribuire attivamente alla transizione energetica in corso”. Propositi, questi, dal forte sapore di greenwashing per Greenpeace, che ha bocciato il piano 2021-2024 della capogruppo Eni sulla base di un report commissionato a Merian Research insieme a Fondazione Finanza Etica e Re:Common. “La percentuale di investimenti destinata ad attività che loro definiscono green è solo del 20%, ma in questa quota inseriscono anche le bioraffinerie che non lo sono. Gli investimenti su attività davvero sostenibili sono appena il 10%”, dice Luca Iacoboni, responsabile della campagna Energia e Clima dell’associazione ambientalista. “Anche il loro piano di decarbonizzazione di lungo periodo non è in linea con gli accordi di Parigi e vengono proposte false soluzioni alla crisi climatica, come la Ccs (cattura e stoccaggio CO2) e i progetti di conservazione delle foreste in cambio di crediti di carbonio che consentono più emissioni inquinanti. La trasformazione di Eni Gas e Luce in società benefit è pienamente in linea con la loro strategia comunicativa di greenwashing”.

Gli esperti: “Il comportamento della società sarà più misurabile”
Il sospetto, in sostanza, è che diventare società benefit non sia altro che una pennellata di buone intenzioni per rifarsi un’immagine da parte di chi fino a ieri si è comportato male. E magari domani riuscirà, anche grazie alla mano di bianco, ad attrarre più soldi da parte di fondi interessati a investimenti sostenibili e ad accaparrarsi i finanziamenti del Ricovery Plan. Tutto questo non rischia di svilire il concetto stesso di società benefit? “Al nostro interno ci siamo interrogati sul caso di Eni Gas e Luce”, ammettono Paolo Di Cesare ed Eric Ezechieli, fondatori di Nativa, società di consulenza che accelera l’evoluzione delle aziende verso modelli sostenibili. “Lo stanno facendo sul serio? È la prima cosa che ci siamo chiesti. Diventare società benefit non è un titolo, è un impegno. Essendo un’azienda con una cultura profonda, ci aspettiamo un’evoluzione importante. Diventando società benefit, Eni Gas e Luce assume l’impegno di pianificare delle azioni per perseguire le sue nuove finalità di beneficio comune, rendicontarle, stilare ogni anno una relazione in cui l’impatto di queste azioni viene misurato secondo standard riconosciuti. Il suo comportamento sarà più misurabile rispetto a oggi e rispetto a società che non sono benefit. Da tale relazione si potrà capire se l’impatto in termini di ambiente e rapporto coi clienti sarà sostanziale oppure marginale e limitato a qualche evento di comunicazione e sarà possibile esprimere un nuovo tipo di giudizio”. Simile l’opinione del senatore di Italia Viva Mauro del Barba, presidente di Assobenefit e nel 2015 primo firmatario tra le file del Pd del disegno di legge istitutivo delle società benefit: “Una società che decida di diventare benefit è sempre una buona notizia, perché si propone di diventare meglio di come era prima. Le società benefit sono una partenza e non un traguardo”.

Eni: “Impegno serio”. Associazioni dei consumatori: “Vigileremo”
Eni Gas e Luce, contattata da ilfattoquotidiano.it, sostiene non si possa ridurre il tutto a una mera mossa di marketing: “Essere società benefit significa assumere l’impegno statutario, nei confronti dei propri azionisti, di bilanciare gli interessi di questi ultimi, del pubblico e di tutti gli stakeholder. Significa avere un atteggiamento dialogante e costruttivo, anche nel ricercare il costante dialogo con le Autorità di regolazione, sempre al fine di fornire il servizio migliore e più efficiente ai clienti. L’integrazione del business delle rinnovabili in Eni Gas e Luce darà un ulteriore sostegno importante agli obiettivi di società benefit dal punto di vista ambientale, contribuendo alla riduzione delle emissioni dei propri clienti”. Ma che pensano le associazioni dei consumatori di queste belle parole? “Vigileremo sul fatto che i nuovi propositi di Eni Gas e Luce vengano rispettati”, assicura Antonella Votta, esperta di Codici, che insieme a Unc e Udicon ha segnalato all’Antitrust i problemi coi pagamenti pretesi benché prescritti. “E che gli annunci non siano solo un’operazione di facciata”. Perché da greenwashing a benefit washing il passo può essere assai breve.

@gigi_gno

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Enigate

di Claudio Gatti 15€ Acquista
Articolo Precedente

Sostegni bis, il decreto del Governo torna in commissione alla Camera: “Dubbi dalla Ragioneria dello Stato su alcune coperture”

next
Articolo Successivo

Sul reddito di cittadinanza c’è la guerra politica più squallida mai vista

next