Denunciano decine di lavoratori che scioperano. Sostenendo che in realtà si tratti di “centri sociali” che parlano di “multinazionali crudeli e sfruttatrici e sindacati servi dei padroni”. Ora per i manager di Dhl in Italia si mette male. Tocca a loro rispondere ai magistrati dopo che la Procura di Milano ha sequestrato preventivamente 20 milioni di euro a Dhl Supply Chain Italy nell’ambito di un’inchiesta per evasione fiscale e contributiva. È la nemesi. Secondo quanto risulta al Fattoquotidiano.it, solo in Lombardia, dal 2014 a oggi sono circa un centinaio i facchini e i sindacalisti denunciati dalle big della logistica e dalle coop che forniscono la manodopera.

A parlare di “centri sociali” il 9 ottobre 2020 è Adriano Calotta, il direttore Affari Legali del gruppo Dhl nella penisola, davanti al giudice Nicola Clivio. È il processo che si sta celebrando a Milano contro cinque operai per uno sciopero avvenuto alla Dhl di Settala il 28 febbraio 2014, nel campus di logistica farmaceutica da 50mila metri quadrati. Per i presunti reati è già scattata la prescrizione. Calotta convocato come teste racconta di non essere nemmeno stato presente quel giorno. E riferisce quanto gli è stato riportato dal Responsabile delle relazioni industriali Vittorio Campagnoli, da Vittorio Guido De Amici della Divisione logistica farmaceutica e soprattutto dall’allora amministratore delegato della società, Fedele De Vita detto “Eddy”. Oggi è lui indagato dai pm meneghini assieme al nuovo numero uno del gruppo, Antonio Lombardo. Per difendersi si sono scelti i principi del foro dello studio legale Isolabella, fra i più noti penalisti in città, che difenda per esempio Paolo Genovese dalle accuse di violenza sessuale.

Da accusatori ad accusati è un attimo. Nei processi agli operai Dhl si costituisce regolarmente come parte civile. I “loro” testimoni di rado fanno una bella figura in aula. Nel caso specifico la controllata di Deutsche Post e i suoi legali battono su un punto. Gli operai? Non potevano scioperare perché l’attività di distribuzione dei farmaci è stata ritenuta come essenziale. Nel 2015. “Quindi è per questo che nel 2014 non avete ricevuto l’avviso di parte del sindacato in base a quanto stabilito nel 2015?” gli domanda il legale dei lavoratori. Risposta: “Allora, se mi chiede un’opinione…”. Per non parlare del testimone Giuliano Borges rappresentate della Cooperativa Sistema Lavoro e Servizi affiliata al Consorzio Ucsa (ma esiste anche Ucsa Spa, con cui il consorzio ha un “contratto di rete”) che ha in appalto lo stabilimento di Dhl. Borges non riesce a spiegare come funzionano i subappalti nella logistica e, nonostante abbia vergato la querela con la sua firma, alla prima domanda del pubblico ministero ribatte: “Premetto che io fisicamente non c’ero”.

Non dormono sonni tranquilli i dirigenti di Dhl da qualche settimana. Perché oltre agli indagati De Vita e Lombardo, c’è una pesante informativa del settore contrasto illeciti dell’Agenzia delle Entrate del febbraio 2020. Da lì nasce l’inchiesta dei pm Paolo Storari e Giovanna Cavalleri. Gli 007 fiscali dell’Agenzia hanno messo nel mirino le posizioni apicali nel colosso della logistica tedesco, almeno all’epoca degli accertamenti fiscali 2018-2019. Vengono citati il General Manager Business Unit Guglielmo Piroddi, l’HR Manager Luigi Longaretti, il funzionario a capo della Business Unit “E&M Automotive e SL” Paolo Camusso, il “Site Manager” presso l’unità locale di Lacchiarella Marco Mazzucchi, Andrea Zanotti responsabile della Business Unit Technology e infine l’Head of Trasport di DHL Supply Chain Italy, Andrea Cotecchia.

Il tema giuridico (e anche politico) è quello di comprendere quanto la società committente “guadagni” dai comportamenti fraudolenti degli anelli bassi della catena, per esempio coop e consorzi che omettono pagamenti Iva e contributi dei lavoratori come in questa vicenda. E se nel caso orchestri da dietro le quinte quegli stessi comportamenti o ne sia responsabile, penalmente e in solido, a prescindere dal dolo. Materia per magistrati. Sullo sfondo rimane una domanda: chi ci guadagna?

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ha rubato una delle auto più rare al mondo e l’ha rivenduta per 7 milioni: arrestato a Genova americano di 67 anni

next