Motorola e Bullit Group, quest’ultimo è il gruppo responsabile anche della produzione degli smartphone CAT, hanno annunciato l’arrivo di una nuova versione di un dispositivo visto l’ultima volta ben 11 anni fa: date il benvenuto al nuovo Motorola Defy!

Motorola Defy riprende l’idea dello smartphone originale del 2010, si tratta infatti di un dispositivo rugged ed in grado di resistere alle sfide più dure che uno smartphone possa sopportare. Lo smartphone possiede una doppia scocca sigillata ed è certificato contro l’intrusione di acqua e polvere secondo lo standard IP68.

“Soprattutto nella situazione attuale, la questione dell’igiene non è mai stata così importante. Ecco perché il Motorola Defy può essere lavato tanto facilmente e tanto spesso quanto le vostre mani” scrive l’azienda nel comunicato stampa.

Secondo l’azienda, lo smartphone può resistere facilmente a ripetuti test di caduta da un massimo di 1,8m e può anche resistere a temperature e vibrazioni estreme in quanto costruito secondo alcune delle direttive dello standard militare MIL-STD-810H.

A colpire è anche la fotocamera di Motorola Defy, aspetto solitamente lasciato in secondo piano negli smartphone rugged. Il dispositivo utilizza una fotocamera da 48 Mpixel con lenti dall’apertura focale f/1.84 e supporta la tecnologia di unione dei pixel Quad-Bayer per catturare immagini più luminose.

Non attirerà lo stesso livello di interesse il display da 6,5 pollici con risoluzione HD+, tuttavia esso è protetto da un pannello protettivo in vetro Gorilla Glass Victus. La batteria da 5000mAh permette allo smartphone di resistere per “giorni”, secondo l’azienda.

Motorola Defy è disponibile in Verde Foresta o Nero al prezzo di 329 euro. Il comunicato ci è stato inviato dalla divisione tedesca del brand, non sappiamo ancora quando e se Motorola Defy sarà ufficialmente disponibile anche sul nostro territorio nazionale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Google, in arrivo nuova e più potente funzione per ritrovare lo smartphone?

next
Articolo Successivo

6G, Samsung sta già testando connessioni fino a 1000 Gbps e ologrammi in vista del 2028

next