“Io resto convinto che, per ragioni di fondo, per ragioni sostanziali vi sia una grande opportunità di quel che può diventare una sinistra che può partire come campo progressista“. Così il deputato di Leu Pier Luigi Bersani, ospite di ‘Accordi&Disaccordi’, il talk politico condotto da Luca Sommi e Andrea Scanzi, con la partecipazione di Marco Travaglio, in onda tutti i mercoledì alle 21.25 su Nove. “Il problema resta quello del soggetto politico perché la potenzialità c’è – ha detto il presidente di Articolo uno – Il lavoro non è una banalità. Io partirei da quello. Bisogna combattere sul serio perché… Adesso Giuseppe Conte ha in mano una sfida grande, enorme, io gli consiglio sempre, da tempo, una cosa: vai in giro, fatti vedere, fatti 100 città in Italia. Certo si diceva: ‘ha un compito di sintesi complicato’, fra radicalismo e moderatismo, però, io sono convinto che ci sia uno spazio per una mediazione di questo genere, per un radicalismo civico“, ha concluso Bersani.

‘Accordi&Disaccordi’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile in live streaming e successivamente on demand sul nuovo servizio streaming discovery+ nonché su sito, app e smart tv di TvLoft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pier Luigi Bersani e Tomaso Montanari ospiti di Accordi&Disaccordi mercoledì 9 giugno alle 21.25 su Nove. Con Marco Travaglio

next
Articolo Successivo

Tomaso Montanari ad Accordi&Disaccordi (Nove): “Questo è un governo dei padroni dove l’elettorato di sinistra non vota più”

next