Stava effettuando un sopralluogo quando il tetto del capannone ha ceduto: una caduta di circa dieci metri. Roberto Grossi, 49 anni, è morto in un incidente sul lavoro a Pomezia, sud di Roma. Titolare di una ditta di costruzioni, il 49enne stava appunto procedendo a un prima verifica necessaria allo svolgimento di alcuni lavori di ristrutturazione richiesti dai proprietari dell’immobile. All’improvviso, però, il tetto è crollato e Grossi è precipitato. È morto sul colpo.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Pomezia per accertare se erano stati adottati tutti i protocolli di sicurezza necessari. Intanto si registra l’ennesima morte sul lavoro, a pochi giorni di distanza dagli appelli a risolvere “una vera emergenza sociale” lanciati dai sindacati il 4 giugno scorso, quando in 24 ore ci sono state 5 vittime.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Leonardo, lavoratori in corteo a Genova contro la dismissione dell’Automazione: “Scelta scellerata, 400 dipendenti a rischio esternalizzazione”

next
Articolo Successivo

Vaccino Covid obbligatorio agli operatori sanitari: ecco ciò che accade a chi si rifiuta

next