Chi è stato infettato da Sars Cov 2 produrrà anticorpi contro il virus per la maggior parte della sua vita. Una ipotesi che nasce dallo studio pubblicato su Nature dal Dipartimento di Patologia e Immunologia, della Washington University. La ricerca fornisce, allo stato, la prova che l’immunità naturale, innescata dall’infezione potrebbe essere straordinariamente duratura. In aggiunta alla buona notizia, va detto che “i vaccini avranno lo stesso effetto duraturo“, così a Nature afferma Menno Van Zelm, immunologo alla Monash University di Melbourne, in Australia. Complessivamente, i dati pubblicati indicano che anche l’infezione lieve suscita una risposta Bmpc (plasmacellule del midollo) di lunga durata.

Alcuni primi studi sull’immunità Covid 19 avevano alimentato preoccupazioni, quando è stato scoperto che i livelli di anticorpi precipitavano non molto tempo dopo la guarigione. Il team di Ali Ellebedy immunologo dei linfociti B della Washington University, ha monitorato la produzione di anticorpi in 77 persone che erano guarite da casi per lo più lievi. Come previsto, gli anticorpi sono crollati nei quattro mesi successivi all’infezione. Ma questo declino è rallentato e, fino a 11 mesi dopo l’infezione, i ricercatori potevano ancora rilevare gli anticorpi che riconoscevano la proteina spike del coronavirus.

Per identificare la fonte degli anticorpi, il team di Ellebedy ha raccolto cellule B di memoria, che hanno origine nel midollo osseo, da un sottogruppo di partecipanti. Sette mesi dopo aver sviluppato i sintomi, la maggior parte di questi partecipanti aveva ancora cellule B che riconoscevano Sars Cov 2. In 15 dei 18 campioni di midollo osseo, gli scienziati hanno trovato popolazioni di Bmpc (plasmacellule) estremamente basse ma rilevabili la cui formazione era stata innescata dalle infezioni da coronavirus degli individui 7–8 mesi prima. Dopo una nuova infezione, si attivano le cellule di breve durata chiamate plasmablasti, che sono una prima fonte di anticorpi. Ma queste cellule si ritirano subito dopo che un virus è stato eliminato dal corpo e altre cellule di lunga durata producono anticorpi: le cellule B (della memoria) che pattugliano vigili contro le reinfezioni, mentre le plasmacellule si nascondono nelle ossa e “percolano” anticorpi per decenni. “Una plasmacellula rappresenta la memoria della nostra vita, in termini di agenti patogeni a cui siamo stati esposti”, afferma a Nature Ellebedy.

“Questa è un’osservazione molto importante”, date le affermazioni sulla diminuzione degli anticorpi, afferma Rafi Ahmed, immunologo alla Emory University di Atlanta. L’immunità persiste, seppure a marcia bassa. Ciò che non è chiaro è la capacità di alcune “varianti” emergenti di attenuare gli effetti protettivi degli anticorpi, e come appariranno i livelli di anticorpi a lungo termine se offriranno protezione. Lo studio attuale fornisce la prima prova diretta dell’induzione di Bmpc specifiche dopo un’infezione virale negli esseri umani.

L’abstract su Nature

L’articolo su Nature

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cristoforo Colombo, è di nuovo caccia alla patria del navigatore: l’Università di Granada studia il Dna dei suoi resti

next
Articolo Successivo

Cani anti-Covid in grado di riconoscere i positivi: il progetto del Politecnico delle Marche. “Un test che darebbe grandi vantaggi nello screening”

next