La più grande nave della Marina militare dell’Iran – chiamata Kharg, dal nome dell’isola dove si trova il maggior terminal petrolifero del Paese – ha preso fuoco ed è affondata nel golfo di Oman in circostanze non chiare. Lo riporta la stessa Marina, specificando che l’incendio è scoppiato alle 2:25 del mattino del 2 giugno e gli sforzi di domarlo, durati 20 ore di fila, sono stati inutili. L’imbarcazione si è inabissata vicino al porto di Jask, 1.270 chilometri a sud-est della capitale Teheran, alle porte dello stretto di Hormuz (che segna il passaggio tra golfo di Oman e golfo Persico).

Sui media iraniani circolano foto di marinai, vestiti con giubbotti di salvataggio, impegnati a evacuare la nave mentre le fiamme bruciano dietro di loro. La nave Kharg – definita dai media una “nave scuola” – era una delle poche in dotazione alla marina capaci di fornire carburante in mare ad altre imbarcazioni. Poteva trasportare carichi pesanti e fare da base di decollo per elicotteri. Costruita in Gran Bretagna e varata nel 1977, era stata acquisita alla flotta di Teheran nel 1984, cinque anni dopo la rivoluzione islamica che depose lo scià Reza Pahlavi.

L’affondamento è solo l’ultimo disastro navale iraniano. Nel 2020, durante un’esercitazione militare, un missile aveva colpito per errore una nave da guerra nei pressi di Jask, uccidendo 19 marinai e ferendone 15. Nel 2018, un cacciatorpediniere era affondato nel mar Caspio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Il governo di Malta copre i politici coinvolti nell’omicidio Caruana Galizia”: la lettera degli esecutori dell’omicidio all’Unione Europea

next